Sfoglia Adzuna Blog »

Gestione Partita IVA: 3 spunti per farlo al meglio

tutto ciò che c'è da sapere sulla partita iva

Negli ultimi decenni il mercato del lavoro in Italia ha registrato profondi cambiamenti. Il posto fisso sta diventando sempre più inafferrabile e di conseguenza, in molti preferiscono avviare una propria attività oppure diventare liberi professionisti e dipendere solo ed esclusivamente da se stessi per il raggiungimento di un reddito soddisfacente.

Proprio per questo motivo, si è visto un esponenziale aumento delle imprese medio-piccole in Italia, come ci comunica un articolo de “Il giornale delle Partite IVA” che, basandosi su dati ISTAT, illustra che nel 2016 il numero delle partite IVA attive in Italia è di circa 6,2 milioni, di cui 3,9 milioni quelle di persone fisiche.

Numerosi sono gli articoli autorevoli che illustrano come aprire una propria attività o diventare liberi professionisti, ma in pochi forniscono gli strumenti utili per una corretta e facilitata gestione partita IVA. Proprio per questo motivo, noi di Adzuna abbiamo deciso di illustrare i tre metodi più utilizzati in una breve guida pratica.

I tre modi più gettonati per la gestione partita IVA

  • Commercialista, my old friend

Per quanto scontato possa sembrare, si tratta di un evergreen della gestione partita iva. Infatti, quando si avvia un’attività in proprio, bisogna mettere in conto anche le spese per chi si occuperà a gestire la nostra situazione. E chi può farlo meglio di un commercialista qualificato? I costi in questo caso, potrebbero variare tra i 1.000 e i 2.000 euro annui in base alle dimensioni dell’impresa o la quantità di lavoro svolta dal libero professionista, i dipendenti a carico, ecc. ecc.

Trovare un commercialista affidabile non è sempre facile. Molti si affidano al passaparola, altri invece fanno una ricerca online ad occhi chiusi, ma il nostro consiglio è quello di controllare sempre il background del professionista e cercare di avere pareri di altri suoi clienti. Giusto per non rimanere fregati.

  • La fattura digitale diventa la tua migliore amica

Grazie all’esponenziale avvento dell’online, sono nati anche numerosi strumenti che aiutano i liberi professionisti e le piccole imprese a gestire i propri versamenti e tasse tramite tool digitali di facile utilizzo. Un esempio è il portale Fatture in Cloud. Si tratta di una piattaforma innovativa che aiuta nella fatturazione, nella gestione della propria situazione imprenditoriale, e cancella definitivamente l’obsoleta fattura cartacea.

Una vera è propria rivoluzione per i piccoli imprenditori. Non solo, ti permette di combinare il servizio dell’innovativa piattaforma con l’assistenza del tuo commercialista. Non ne possiedi uno? Nessun problema, il servizio offre una schiera di professionisti che potrebbero fare al caso tuo.

Un modo semplice, per riconciliarti con la tua partita iva e non dimenticarti dell’anticipo IRPEF come l’ultima volta.

  • Il fai da te? Va bene, ma per il bricolage

Pur di risparmiare, in molti si buttano sul fai-da-te, anche per la gestione della propria partita iva. Beh, in questo caso è abbastanza sconsigliato e alcuni dei motivi sono i seguenti:

  • rimanere aggiornati su regolamentazioni e software uttilizzati per la corretta gestione della partita iva è praticamente impossibile
  • il margine di errore diventa altissimo se non si è competenti nella materia
  • diventerebbe un lavoro full-time

In poche parole, è meglio lasciar fare ai professionisti del settore, perché non c’è risorsa più preziosa del tempo, ed è meglio investirlo nella corretta gestione della tua attività, non credi?

Ora che abbiamo approfondito gli strumenti più efficaci per gestire la partita iva, non ti resta che fatturare!